Dalle bacchette da calcolo cinesi al metodo Fangcheng: un percorso di trasposizione culturale nella scuola secondaria di primo grado

Raffaele Casi* and Chiara Pizzarelli**
*Istituto Comprensivo Andezeno – Andezeno (TO), Italia
**Istituto Comprensivo Torino II E. Morelli – Torino, Italia

Scarica l’articolo    DOI: 10.33683/ddm.20.7.5

Allegati

Sunto / Abbiamo proposto ad una classe prima di scuola secondaria di primo grado un percorso di scoperta di problemi della tradizione matematica cinese, riconducibili a sistemi di equazioni e risolubili mediante le antiche bacchette da calcolo e il metodo del Fangcheng. La metodologia proposta è la didattica laboratoriale, con l’uso di artefatti, quali bacchette e bilance, e di supporti audio-video. Sotto la lente teorica dell’analisi semiotica degli artefatti (Rabardel, 1999; Bartolini Bussi, Mariotti & Ferri, 2005) e della trasposizione culturale (Bartolini Bussi, Sun & Ramploud, 2013; Mellone & Ramploud, 2015) si intendono mostrare le potenzialità di un uso formativo di antichi strumenti e tecniche di calcolo, provenienti da un contesto culturale, storico e geografico differente. L’obiettivo è ripensare e aumentare la consapevolezza degli studenti sugli algoritmi di addizione e sottrazione e avviare all’utilizzo di metodi pre-algebrici fondati sul concetto di uguaglianza e sui principi di equivalenza.

Parole chiave: trasposizione culturale; storia della matematica cinese; artefatti; Early Algebra; Fangcheng.

Pubblicato in DdM 2020(7)

 

Per citare questo articolo: Casi, R., & Pizzarelli, C. (2020). Dalle bacchette da calcolo cinesi al metodo Fangcheng: un percorso di trasposizione culturale nella scuola secondaria di primo grado. Didattica della matematica. Dalla ricerca alle pratiche d’aula, 7, 97-122. DOI: 10.33683/ddm.20.7.5