Mi descrivi il tuo disegno del Mattoncino Lego? Un’esperienza didattica di matematica nella scuola dell’infanzia

Benedetto Di Paola* e Antonella Montone**
*Dipartimento di Matematica e Informatica – Università degli Studi di Palermo, Italia
**Dipartimento di Matematica – Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Italia

Scarica l’articolo

Sunto / La consapevolezza dell’importanza di guardare, attraverso una lente di tipo matematico, i disegni prodotti dai bambini, considerandoli come strumento diagnostico per quello che D’Amore et al. (2004) chiamano come il “Campo di Esperienza” Spazio, Ordine e Misura, ha dato spunto a questo contributo che discute una sperimentazione didattica condotta in una sezione di scuola dell’infanzia (5 anni).
All’interno della stessa è stato chiesto ai bambini di rappresentare dei mattoncini Lego con un disegno, e di descrivere successivamente i propri elaborati rintracciando e argomentando in essi eventuali segni di scarto numerico-spaziali rispetto al mattoncino osservato/manipolato, attraverso visioni prospettiche differenti.
L’analisi qui discussa ci sembra interessante sia per i ricercatori in Didattica della Matematica sia per gli insegnanti di scuola dall’infanzia e primaria, che vogliono indagare il ruolo del disegno come forma espressiva e diagnostica per approfondire conoscenze, abilità e competenze matematiche dei loro studenti.

Parole chiave: percezione visiva; rappresentazione 2D/3D; artefatto; disegno; scuola dell’infanzia.

Pubblicato in DdM 2018(4)