Programmare giocando con ScratchJr nella scuola dell’infanzia. La corrispondenza quantità-numero

Annarosa Serpe
Dipartimento di Matematica e Informatica – Università della Calabria, Italia

 Scarica l’articolo    DOI: 10.33683/ddm.18.3.7

Allegati

Sunto / L’articolo si colloca nel dibattito inerente la pratica del coding e pone l’accento sull’uso di un linguaggio di programmazione visuale, come ScratchJr, nella scuola dell’infanzia. A partire dai riferimenti normativi attuali emanati dal MIUR1, l’articolo, dopo aver introdotto il quadro di riferimento teorico, presenta le peculiarità e le potenzialità educative dell’App ScratchJr. Al crocevia tra l’esame di alcune riflessioni teoriche e quello di alcune pratiche didattiche, l’articolo mostra una modalità di lavoro in sezione inerente la corrispondenza quantità-numero. La pratica didattica esposta è stata estrapolata
da un percorso di ricerca-azione finalizzato al controllo scientifico delle condizioni e delle procedure di utilizzo di ScratchJr nel campo d’esperienza “La conoscenza del mondo”.

Parole chiave: coding; scuola dell’infanzia; numero; gioco; quantità; ScratchJr.

Pubblicato in DdM 2018(3)

 

Per citare questo articolo: Serpe, A. (2018). Programmare giocando con ScratchJr nella scuola dell’infanzia. La corrispondenza quantità-numero. Didattica della matematica. Dalla ricerca alle pratiche d’aula, 3, 135-155. DOI: 10.33683/ddm.18.3.7